In Stock

Compressore Fiac LLD 300 hp 7,5 – 14 bar

14 bar per gommisti – Trifase
700 g/minuto – 72 db

Richiesta preventivo

Descrizione

RENDIMENTO

Elevato rendimento grazie alla bassa velocità Ridotto consumo di olio, minori attriti

LIVELLO SONORO

  •  Cilindri in ghisa
  •  Testata studiata con grandi alette per agevolare il raffreddamento
  •  Volano con pale elicoidali che concorrono ad ottenere un maggioreraffreddamento ed un minore livello sonoroMAGGIOR DURATA NEL TEMPORiduzione delle vibrazioni, dovuta allo studio del design di pistoni e bielle, con perfetto bilanciamento dell’albero a gomito, per garantire una maggiore durata nel tempo

    MOTORE

    Classe di isolamento IP 54 sovradimensionato (EN 60034 – 1)

    PRESSOSTATO

    Trifase con protezione amperometrica (a partire dai 3 HP) e valvola di scarico sulla testa per agevolare la ripartenza del compressore

    SERBATOIO

    Lamiera d’acciaio ad alta resistenza, verniciata con polveri epossidiche

OUTPUT

High percentage of efficiency thanks to its low speed Reduced oil consumption

NOISE LEVEL

Cylinder in cast iron
Head with large cooling fins
Flywheel with helical blades. The combination of these three items

contributes towards greater cooling and lower noise level

LONGER LIFE SPAN

Reduction of vibrations due to the pistons and con rods which are perfectly balanced with the crankshaft, guaranteeing a greater service life of all the components over time

MOTOR

Insulation class IP 54 oversized (EN 60034 – 1)

PRESSURE SWITCH

Three phase with amperometric protection (from 3 HP) and drain valve in the head to facilitate the restart of the compressor

AIR RECEIVER

Sheet steel painted with epoxy powder paint

Informazioni aggiuntive

Peso 152 kg
Dimensioni 146 × 46 × 100 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Quick Comparison

Settings Compressore Fiac LLD 300 hp 7,5 - 14 bar remove Giacca imbottita Cofra CYCLONE remove Bombole Ossigeno in Noleggio Roma remove Riduttore di pressione per Ossigeno remove PIUMINO QUEBEC COFRA remove Disco Lamellare ceramicato Z40 mm 115 remove
Name Compressore Fiac LLD 300 hp 7,5 - 14 bar remove Giacca imbottita Cofra CYCLONE remove Bombole Ossigeno in Noleggio Roma remove Riduttore di pressione per Ossigeno remove PIUMINO QUEBEC COFRA remove Disco Lamellare ceramicato Z40 mm 115 remove
Image FIAC AB-LONG LIFE Salfershop.com giacche imbottite Bombole Ossigeno in noleggio riduttore di pressione acetilene a vite Maxy QUEBEC
SKU 1521442000 240250
Rating
Price
Stock
Availability
Add to cart

Richiesta preventivo

Scegli

Richiesta preventivo

Richiesta preventivo

Scegli

Richiesta preventivo

Description 14 bar per gommisti - Trifase 700 g/minuto - 72 db Bombole in noleggio per Roma e Provincia, di Ossigeno Industriale liquido e gassoso    

Riduttore di pressione per Ossigeno a 300 bar.

Ideale per equipaggiare unità di saldatura dove si richiedono robustezza ed elevata stabilità di erogazione. Realizzato per pressioni intermedie.
Content
RENDIMENTO Elevato rendimento grazie alla bassa velocità Ridotto consumo di olio, minori attriti LIVELLO SONORO
  •  Cilindri in ghisa
  •  Testata studiata con grandi alette per agevolare il raffreddamento
  •  Volano con pale elicoidali che concorrono ad ottenere un maggioreraffreddamento ed un minore livello sonoroMAGGIOR DURATA NEL TEMPORiduzione delle vibrazioni, dovuta allo studio del design di pistoni e bielle, con perfetto bilanciamento dell’albero a gomito, per garantire una maggiore durata nel tempo MOTORE Classe di isolamento IP 54 sovradimensionato (EN 60034 - 1) PRESSOSTATO Trifase con protezione amperometrica (a partire dai 3 HP) e valvola di scarico sulla testa per agevolare la ripartenza del compressore SERBATOIO Lamiera d’acciaio ad alta resistenza, verniciata con polveri epossidiche
OUTPUT High percentage of efficiency thanks to its low speed Reduced oil consumption NOISE LEVEL Cylinder in cast iron Head with large cooling fins Flywheel with helical blades. The combination of these three items contributes towards greater cooling and lower noise level LONGER LIFE SPAN Reduction of vibrations due to the pistons and con rods which are perfectly balanced with the crankshaft, guaranteeing a greater service life of all the components over time MOTOR Insulation class IP 54 oversized (EN 60034 - 1) PRESSURE SWITCH Three phase with amperometric protection (from 3 HP) and drain valve in the head to facilitate the restart of the compressor AIR RECEIVER Sheet steel painted with epoxy powder paint
Inserti rifrangenti 3M, due ampie tasche anteriori, 4 tastino al petto, 2 tasche interne, cappuccio a scomparsa regolabile, toppa di rinforzo sui gomiti, fodera interna in pile, polsini regolabili, zip interna. Perfetto isolamento termico come da requisiti della norma EN342:2004, traspirante e impermeabile oltre la classe 3 della norma EN343 - Questa giacca permette di lavorare da fermi per 8 ore fino a -12°C - oppure se in movimento fino a -36°C e per 1 ora fino a -53°C Disponibile in 6 colori: nero/corda, nero, grigio/nero, fango/nero, antracite/nero, blu navy/nero nelle taglie da 44 a 64

Bombole Ossigeno in Noleggio fornibile per Roma e provincia

Industria alimentare e delle bevande Nell’industria alimentare e delle bevande, l’ossigeno è impiegato:
  • per il confezionamento in atmosfera protettiva
  • per l’ossigenzazione in vasche negli allevamenti ittici
  • come ozono, per la disinfestazione e sterilizzazione nei processi di lavorazione industriali.
Lavorazione e produzione dei metalli Nella lavorazione e produzione dei metalli, l’ossigeno è impiegato:
  • per sostituire o arricchire l’aria, aumentando la temperatura di combustione (produzione dei metalli sia ferrosi sia non ferrosi)
  • per creare una fiamma rovente nei cannelli di saldatura ad alta temperatura utilizzati nel taglio e nella saldatura
  • per supportare le operazioni di taglio oxyfuel
  • quale gas di protezione.
Industria chimica Nell’industria chimica, l’ossigeno è impiegato:
  • per alterare la struttura delle materie prime tramite l’ossidazione, producendo acido nitrico, ossido di etilene, ossido di propilene, monomero di cloruro di vinile e altre sostanze chimiche in blocco
  • per aumentare la capacità e l’efficienza di distruzione degli inceneritori dei rifiuti.
Industria della carta Nell’industria della carta, l’ossigeno è impiegato:
  • per effettuare una serie di processi di fabbricazione compresi la delignificazione, la sbiancatura, l’estrazione dell’ossido, il recupero chimico, l’ossidazione di liquido bianco/nero e l’arricchimento dei forni di calce nel rispetto dell’ambiente.
Fabbricazione del vetro Nella fabbricazione del vetro, l’ossigeno è impiegato:
  • per aumentare l’efficienza di combustione nei forni da vetro e a suola, riducendo le emissioni di ossido di azoto (NOx).
Industria petrolifera Nell’industria petrolifera, l’ossigeno è impiegato:
  • per ridurre la viscosità e migliorare lo scorrimento nei pozzi di petrolio e gas
  • per aumentare la capacità degli impianti di cracking catalitico del fluido e per facilitare l’utilizzo delle materie prime più pesanti
  • per ridurre le emissioni di zolfo nelle raffinerie.
Trattamento delle acque L’ossigeno viene impiegato per il trattamento delle acque di processo e la depurazione delle acque reflue. Produzione di energia Nella produzione di energia, l’ossigeno è impiegato:
  • per trasformare il carbone in elettricità.
L’ossigeno, che costituisce circa il 21% dell’atmosfera terrestre, è indispensabile alla vita ed inoltre rende possibile la combustione. Si tratta di uno degli elementi più abbondanti presenti sulla terra: l’85 per cento degli oceani ed il 46 per cento della crosta terrestre (rocce e minerali) è costituito da ossigeno, così come il 60 per cento del corpo umano. L’ossigeno reagisce con tutti gli elementi, tranne i gas nobili, per formare composti detti ossidi. La capacità di reazione, ovvero il livello di ossidazione, varia a seconda degli elementi. Per esempio, il magnesio si ossida molto rapidamente, infiammandosi spontaneamente nell’aria, mentre i metalli nobili, quali oro e platino, si ossidano solo se sottoposti a temperature molto elevate. Sebbene l’ossigeno non sia di per sé un gas infiammabile, esso favorisce la combustione, facendo sì che tutti i materiali infiammabili in aria possano bruciare molto più intensamente. Queste proprietà di combustione giustificano il suo utilizzo in molte applicazioni industriali. Caratteristiche tecniche Prodotto: ossigeno Formula chimica: O2 Aspetto: gas incolore Odore: gas inodore Limiti di infiammabilità in aria: non applicabile Altre proprietà: poco solubile in acqua Classificazione: Reagendo con altre sostanze questi prodotti possono facilmente ossidarsi o liberare ossigeno. Per tali motivi possono provocare o aggravare incendi di sostanze combustibili. Precauzioni: evitare il contatto con materiali combustibili.

 I riduttori di pressione per Ossigeno MAXY Smart sono estremamente affidabili e dai costi contenuti, progettati e costruiti in totale conformità alla norma EN ISO 2503 per garantire un accurato e sicuro utilizzo dei gas anche alle basse pressioni. Questi riduttori di pressione per ossigeno dotati di valvola di scarico automatico delle sovrapressioni e di filtro in bronzo sinterizzato in ingresso alla capsula integrata. La regolazione della pressione è estremamente lineare e morbida grazie a una nuova manopola ergonomica. Il corpo del riduttore è in ottone, particolarmente curato nel design, decapato per poter durare nel tempo senza ossidazioni. Una struttura molto solida per un riduttore di pressione ossigeno a comando verticale ed attacco laterale, progettato e costruito per garantire un accurato e sicuro utilizzo dei gas. La manopola ergonomica permette al saldatore di regolare la fiamma nel corso delle operazioni di saldatura in modo tale che resti sempre neutra e riducente. Questi riduttori di pressione ossigeno sono particolarmente indicati per utilizzi gravosi di taglio nel settore della demolizione e nella siderurgia.


Maxy Smart
Riduttore di pressione ossigeno professionale e dai costi contenuti. Progettato e costruito per garantire un accurato e sicuro utilizzo dei gas. 

Utilizzo
Realizzato per pressioni intermedie, consente un elevato risparmio di gas nella versione CO2

Precisi, robusti, affidabili
Questi riduttori di pressione ossigeno consentono un'elevatissima affidabilità con soluzioni interne che garantiscono la praticità  d'uso e la funzionalità alle massime erogazioni.

Caratteristiche tecniche:
Ossigeno: 
K classe riduttore 3 - P2 pressione di esercizio 10 bar - Q1 erogazione tipo 30 m³/h
Acetilene:
K classe riduttore 2 - P2 pressione di esercizio <1,5 bar - Q1 erogazione tipo 5 m³/h
Propano: 
K classe riduttore 1 - P2 pressione di esercizio 4 bar - Q1 erogazione tipo 5 m³/h
Azoto: 
K classe riduttore 3 - P2 pressione di esercizio 10 bar - Q1 erogazione tipo 30 m³/h
CO2 - Argon - Mix: 
K classe riduttore 1 - P2 pressione di esercizio 4 bar - Q1 erogazione tipo <1,5 m³/h

ATTACCO LATERALE
COMANDO VERTICALE
MANOMETRI Ø 63
USCITA ⅜ " Gas

Tutti i nostri riduttori per ossigeno hanno superato con successo la prova di incendiabilità prevista dalla norma ISO 2503





Gli abrasivi sono sostanze naturali o artificiali di grande durezza usati nelle lavorazioni meccaniche, Essi hanno innumerevoli usi per innumerevoli materiali, a seconda della quale cambia il supporto, alcune applicazioni sono: l'affilatura, il taglio, saponi abrasivi, paste abrasive. Gli abrasivi naturali più noti sono il quarzo, il corindone, la silice, la pomice, l'arenaria, il diamante, lo smeriglio, la farina fossile, il granato. Tra quelli artificiali ci sono gli ossidi di alluminiodi cromodi ferro, l'azoturo di boro, il carburo di silicio, il vetro, il carburo di boro. L'utilizzo degli abrasivi può essere fatto sotto forma di polvere; applicati a fogli di carta o tela; oppure sinterizzati per formare mole o pietre abrasive. La caratteristica più importante degli abrasivi è la durezza e vi sono vari metodi per misurarla. Il più antico è rappresentato dalla scala di Mohs, di facile applicazione e specifica per i minerali: consiste nella successione di 10 specie minerali ove quello che segue è in grado di scalfire il minerale che lo precede. Questa scala è approssimativa e non lineare per cui sono state introdotte altre scale di durezza, fra le quali la Scala di Knoop, che esprime la misura della durezza in kg/mm2 ed è particolarmente adatta per i materiali fragili e molto duri. La misura della durezza viene eseguita tramite i durometri, strumento che preme con una determinata pressione una punta di diamante (al fine di non essere deformabile) nel materiale di cui si ricerca la durezza. Il rapporto numerico fra il carico applicato (peso in kg) e la sezione massima dell'incisione (lunghezza in mm) produce il valore della durezza (kg/mm²). Altro fattore di importante considerazione è la natura chimica, in quanto caratterizza il comportamento dell'abrasivo in funzione del materiale di contatto. In quanto ci troviamo in condizioni di lavoro ad elevata temperatura ed energia cinetica e quindi vengono favorite tutte le reazioni chimiche endotermiche. Un esempio è la reazione che avviene al contatto del carburo di silicio con il ferro:   A SiC + 4Fe → FeSi + Fe3C - Inoltre sia il ferro che il carburo di silicio sono ossidabili con la normale atmosfera. Quindi oltre la durezza bisogna tener presente anche la natura chimica dell'abrasivo, per cui, riferendoci al caso precedentemente citato; il carburo di silicio non è utilizzato per materiali ferrosi ma è ottimo per il vetro. Al contrario l'allumina non è adatta alla smerigliatura del vetro ma è eccellente per il ferro. Riferendosi sempre all'allumina, l'ossigeno contenuto nell'atmosfera aiuta nelle operazioni di smerigliatura; in quanto la formazione dell'ossido di ferro impedisce che i trucioli distaccatesi si saldino al metallo o all'abrasivo stesso; al contrario i gas inerti quali argo, azoto e anidride carbonica ostacolano l'abrasione. In generale i composti solforati e clorurati hanno un'azione antiossidante nei confronti dei metalli e quindi utilizzati nei processi abrasivi per questi ultimi. Un ultimo fattore influenzante, ma non meno importante, è la grana di un abrasivo, cioè il diametro medio delle sue particelle o grani. La granatura di un abrasivo è classificata tramite una scala internazionale in cui ogni valore della scala corrisponde a un determinato valore medio dei granuli e al numero di maglie per pollice lineare del setaccio impiegato per la vagliatura dei grani. Per grane estremamente fini (< 50 µm) è utilizzato il metodo della sedimentazione in acqua. In questa scala internazionale il valore della grana è inversamente proporzionale al diametro medio dei grani, cioè un valore alto della grana corrisponde un diametro dei grani più fini. La grana influisce sulla finezza della lavorazione e sulla rugosità della superficie, in quanto questi parametri sono regolati dalla velocità d'esercizio (nel caso di una mola velocità di rotazione) e dalla grana; una grana maggiore (grani di minor diametro) corrisponde a una minore rugosità e maggiore finezza, così come una velocità elevata d'esercizio. La scabrezza di una superficie o grado di finitura è determinata con il profilometro o rugosimetro il quale misura lo scostamento dei punti della superficie reale rispetto una superficie liscia ideale, espresso come scarto quadratico medio in μm (RMS root mean square). Quindi ad una maggiore finezza corrisponde un minor valore del profilometro Disco Lamellare ceramicato Z40 mm 115 ad alta efficenza abrasiva, grande velocità di taglio senza la necessità di agire sulla pressione della smerigliatrice. Su acciaio inossidabile questi dischi durano dal 50% al 200% più a lungo di un disco lamellare tradizionale. Confezione minima forgiabile 20 pezzi
Weight 152 kg N/A N/A N/A N/A N/A
Dimensions 146 × 46 × 100 cm N/A N/A N/A N/A N/A
Additional information
Peso 152 kg
Dimensioni 146 × 46 × 100 cm
Taglia Abiti Pantaloni

, , , , , , , , , ,

Colori

, , , , ,

Taglia Abiti Pantaloni

, , , , , , , , , ,

Colors Piumini

, , , ,